Centralino: +39.011.22.50.211,

Il controtelaio THERMO PRO

Il controtelaio tradizionale è normalmente costruito con 3 lati, due montanti laterali e una traversa superiore, solitamente in legno (generalmente abete di scarsa qualità),  in lamiera stampata (che spesso contiene anche la guida dell’avvolgibile) o con un profilo tubolare di metallo zincato.
Tutti i controtelai descritti presentano delle criticità che ne impediscono l’uso in una posa che sia sicura, durevole e ad alta efficienza termo-acustica, infatti:
 
  1. Il controtelaio in legno massiccio va bene dal punto di vista termico, ma potrebbe avere dei problemi di durata poichè può marcire a contatto con l’umidità che condensa nel muro in prossimità del nodo di collegamento.
    Il problema più grave però è che non sempre può garantire una tenuta meccanica standard della vite di ancoraggio del serramento in quanto spesso ci sono dei difetti (nodi, crepe e sacche di resine) nelle tavole.

  2. Il controtelaio in tubolare d’acciaio zincato rispetto alla tenuta meccanica è sicuramente più affidabile perché più robusto e con un comportamento “standard”, ma come il controtelaio in lamiera stampata costituisce un ponte termico capace di determinare delle dispersioni di calore sul perimetro del serramento, causa della formazione di condensa e muffa sulle spallette.
Controtelaio in legno
Il controtelaio in legno ha problemi per via della natura del materiale
I controtelai tradizionali non garantiscono la solidità e la coesione con il sistema murario
  • Fig.1 Controtelaio tradizionale in legno costituito con 3 lati
  • Fig.2 Tavole in legno spesso presentano difetti dati dalla presenza di nodi e crepe che rendono difficile la resistenza meccanica del manufatto e la durabilità del tempo
  • Fig.3 L'utilizzo di controtelai tradizionali non garantisce la solidità e la coesione con il sistema murario
THERMO PRO il sistema completo per la riquadratura del foro murario e per il fissaggio strutturale del serramento
Rispetto ai controtelai tradizionali presenta i seguenti vantaggi:

•    Elevato isolamento termico (Φ = 0,17 W/mqK).
•    Tenuta meccanica certificata: resistenza delle viti fissate a 15 mm dal bordo esterno > 200 Kg per punto.
•    Sezioni terminali ridotte per consentire l’alloggiamento dei profili porta intonaco ed evitare la copri filatura.
•    Non si deforma, non marcisce e non arrugginisce se viene a contatto con pioggia o se esposto a situazioni di alta umidità.
•    Ignifugo ed autoestinguente (classe V0), ovvero non propaga la fiamma.

I vantaggi di utilizzare un controtaio in PVC estruso: Robustezza e resistenza.

I controtelai realizzati con profili in PVC “Pieno” non garantiscono robustezza e resistenza alla struttura, impedendo quindi di realizzare controtelai solidi nel tempo.







  • Fig.4 Thermo Pro, campione controtelaio:
    profilo spalla (1) e traversa inferiore da 40mm e 20 mm (2)
Image

Condivi le news sul mondo dei serramentiinterviste esclusivenovità sulle normativenews sulle detrazioni fiscalile novità sull'ambientedi Fresia Alluminio