Centralino: +39.011.22.50.211

Intervista a Cristina Corsaro, Responsabile Ufficio Tecnico e Progettazione di Fresia Alluminio S.p.A.: gli elementi vincenti per un progetto importante

D. Buongiorno Cristina, l’oggetto di questa intervista è dedicato ad un rilevante intervento di riqualificazione a Milano per un’importante azienda straniera nel mondo delle macchine a controllo numerico. Il progetto prevede la costruzione di una facciata con il sistema Sirio 50 a montanti e traversi. Puoi spiegarci perché Fresia Alluminio è stata scelta tra tanti competitor fortemente concorrenziali?

R.   Buongiorno, la risposta è nel nuovo ruolo dell’Ufficio Tecnico e Progettazione di Fresia Alluminio. Colgo quindi l’occasione di quest’intervista per far comprendere al meglio quali siano gli strumenti di supporto che possiamo offrire ai nostri clienti serramentisti e progettisti. 
Il mondo del serramento è cambiato in modo repentino, rendendolo sempre più complesso e competitivo. La ‘finestra’ finalmente non viene più vista come una banale chiusura, ma parte integrante di un progetto solitamente molto elaborato.
Le norme sui serramenti sono diventate obbligatorie: da qui l’esigenza, da parte dei progettisti, di un supporto tecnico/normativo sin dalle prime fasi progettuali. Il team del nostro Ufficio Tecnico è in grado di fornire calcoli sulle trasmittanze termoacustiche ed inerzie, agevolando quindi il professionista nella scelta del sistema per serramenti idoneo alle esigenze di progetto.

Competenza e professionalità possono però non bastare. È doveroso un terzo ingrediente che in Fresia Alluminio di certo non manca: la qualità del prodotto sempre più vicino al mondo green.

D. Cristina spiegaci meglio quale sia stato l’investimento di Fresia Alluminio per ottenere l’importante riconoscimento di Azienda d’avanguardia.

R.    Comincerei con il termine “coraggio”, parola che spesso identifica una crescita.
Fresia Alluminio, grazie alla sua lungimiranza e coraggio, in tempi non sospetti ha sposato l’idea di fornire ai propri clienti un alluminio con minore impatto ambientale rispetto all’alluminio primario, proponendo un prodotto ottenuto da materiale di riciclo. Era il lontano 2012.
Aver creduto in un progetto così futuristico è la dimostrazione di quanto Fresia Alluminio creda nel cambiamento/miglioramento.
Oggi Fresia Alluminio raccoglie i frutti di quegli antichi investimenti.
Aver proposto l’alluminio secondario in possesso di Dichiarazione Ambientale di Prodotto EPD® è stata la carta vincente per acquisire il lavoro di Milano. Come spesso accade, quando l’impegno aziendale collima con l’impegno dei propri collaboratori, il successo è scontato.

D. Quindi l’intervento della facciata a Milano è stata acquisito grazie ad un team di competenze e di impegno aziendale?

R.    Direi proprio di sì. L’interesse iniziale era progettuale, ma la carta vincente è stata quella di fornire l’alluminio riciclato, comunemente chiamato secondario.
Oggi parliamo di filosofia green in ogni dove e l’impegno da parte dei progettisti è quello di utilizzare sempre più prodotti ecosostenibili.
Certamente un grande incoraggiamento lo dobbiamo ai Criteri Ambientali Minimi, cogenti dal 2017 per tutti i lavori legati alle Pubbliche Amministrazioni, ma la cultura di tutela nei confronti dell’ambiente è di interesse mondiale, non si può ignorare.
Fresia Alluminio non si è trovata per nulla in difficoltà nell’affrontare questo nuovo mercato e l’acquisizione del cantiere di Milano ne è la prova.

D. Quando utilizziamo la parola riciclo si cade spesso nell’errore di pensare ad un prodotto qualitativamente inferiore. Puoi spiegarci bene la differenza tra alluminio primario e secondario?

R.    Grazie per la domanda, tenterò quindi di sfatare questa diceria senza fondamento scientifico. L’unica differenza tra il primario e secondario è l’energia utilizzata per ottenere uno o l’altro. Per ricavare l’alluminio secondario da materiali di riciclo, l’investimento di energia scende a -95% rispetto al primario che prevede l’estrazione della materia prima (bauxite).

L’alluminio può essere riciclato all’infinito mantenendo le stesse caratteristiche dell’alluminio primario.

Ufficio Tecnico Fresia alluminio

D. Quali e quanti sono i sistemi di Fresia Alluminio realizzati con alluminio secondario?

R.   L’azienda, avendo creduto in questo progetto nel lontano 2012, vanta un’intera gamma dedicata all’alluminio secondario, la Gamma NEO, nella quale sono inseriti ben 15 tipologie di sistemi per serramenti ecosostenibili, compreso il sistema facciata Sirio 50 che abbiamo proposto a Milano.

D. Quindi per i serramenti è un momento di grande riqualificazione?

R.   La differenza in questo momento storico, la farà la qualità ed il rispetto per l’ambiente. Vengono e verranno premiate sempre di più le aziende alla continua ricerca di nuovi prodotti per inserirsi con sempre maggiore impegno in un’economia circolare. A tal proposito, aggiungo la competenza di Fresia Alluminio nel cercare costantemente prodotti nuovi sempre più ecosostenibili. L’azienda straniera, proprietaria dell’immobile milanese, oltre ad aver dato l’incarico ad un importante Ufficio di Progettazione, ha inserito un team di professionisti per l’ottenimento della Certificazione Leed per l’intero edificio. Anche il mondo immobiliare è cambiato: molte aziende, per aumentare il prestigio dell’immobile, si affidano a certificazioni volontarie dimostrando di monitorare l’intero ciclo vita dell’intervento, dal progetto alla costruzione.

Anche questa volta Fresia Alluminio si è resa propositiva, inserendo un ulteriore controllo sulla fase anteriore all’estrusione proponendo l’ECOAL. Le Dichiarazioni Ambientali di Prodotto monitorano dal momento dell’estrusione della barra in alluminio secondario e concludono con lo smaltimento. L’ECOAL fornisce una Dichiarazione relativa al contenuto di materiale riciclato e di emissioni di gas effetto serra sin dalla fornitura delle billette.

D. Come vorresti concludere quest’intervista?

R.  Un messaggio che deve necessariamente passare a chiunque voglia utilizzare l’alluminio secondario con billetta ECOAL è l’ottima QUALITÀ.
3 novembre 2021